Incontinenza Urinaria

texttile_1.img.sui_one_in_three_womenL’Incontinenza Urinaria

Incontinenza urinaria – ossia la perdita di controllo della vescica – è un problema comune e spesso imbarazzante. La gravità varia da perdite occasionali di urine quando si tossisce o si starnutisce fino ad avere uno stimolo a urinare che è così improvviso e forte tale che non si arriva a un bagno in tempo.
Se l’incontinenza urinaria colpisce le attività quotidiane, non esitate a consultare l’urologo. Per la maggior parte delle persone, semplici cambiamenti nello stile di vita o il trattamento medico può alleviare il disagio o interrompere l’incontinenza urinaria.

Che sintomi dà l’incontinenza urinaria?

Alcune persone riferiscono occasionali, piccole perdite di urina. Altre arrivano addirittura a bagnare spesso i loro vestiti.
Esistono diversi tipi di incontinenza urinaria:

  1. Incontinenza da stress. Si hanno perdite di urinaquandosi esercitala pressionesulla vescica per esempio dovuta alla tosse,starnuti,risata, oppure facendo attività fisicao sollevandoqualcosa di pesante.
  2. Incontinenza da urgenza. Si avverte unimprovviso, intensodesideriodi urinareseguito dauna perditainvolontaria di urina. Potrebbe essere necessariourinarespesso, ad esempio tutta la notte. L’incontinenza da urgenzapuò essere causata dauna condizione minore, come l’infezione, o da una condizionepiù gravecome undisturbo neurologicoo il diabete.
  3. Incontinenzada rigurgito. Si verifica unosgocciolamentofrequente o costantedi urinaa causa diuna vescicachenon si svuotacompletamente.
  4. Incontinenza mista. Si verifica più di un tipo di incontinenza urinaria allo stesso tempo.

Quali sono le cause della incontinenza urinaria?

L’incontinenza urinaria non è una malattia, è un sintomo. Essa può essere causata da abitudini di tutti i giorni, condizioni mediche di base o problemi fisici. Una valutazione approfondita dall’urologo può aiutare a determinare che cosa c’è dietro la tua incontinenza.
Incontinenza urinaria temporanea: bevande, alcuni, alimenti e farmaci possono agire come diuretici – stimolare la vescica e aumentare il volume di urina. Essi includono:
alcol
Caffeina
tè e caffè decaffeinato
Bevande gassate
Dolcificanti artificiali
Gli alimenti che sono ad alto contenuto di spezie, zucchero o acido, frutta in particolare agrumi
Cardiaca e pressione sanguigna farmaci, sedativi e miorilassanti
Le grandi dosi di vitamine B o C

L’incontinenza urinaria può anche essere causato da una condizione medica facilmente curabile, quale:
Infezione del tratto urinario. Le infezioni possono irritare la vescica, causando forti impulsi ad urinare, e talvolta incontinenza. Altri segni e sintomi di infezione del tratto urinario includono una sensazione di bruciore quando si urina e urina maleodorante.
Stipsi. Il retto è situato vicino alla vescica e condivide molte delle stesse innnervazioni. Feci dure, compattate nel vostro retto fanno sì che questi nervi possano essere iperattivi e causare un aumento della frequenza urinaria.

Incontinenza urinaria persistente
L’incontinenza urinaria può anche essere una condizione persistente causata da problemi fisici sottostanti o modifiche, tra cui:
1. Gravidanza. I cambiamenti ormonali e l’aumento di peso dell’utero può portare a incontinenza da stress.
2. Parto. parto vaginale può indebolire i muscoli necessari per il controllo della vescica e anche danneggiare i nervi della vescica e dei tessuti di sostegno, portando ad una caduta (prolasso) del pavimento pelvico. Con il prolasso, la vescica, utero, retto può essere spinto verso il basso dalla posizione usuale e sporgere nella vagina. Tali sporgenze possono essere associate a incontinenza.
4. Cambiamenti con l’età. Invecchiamento del muscolo della vescica può ridurre la capacità della vescica per memorizzare urine.
5. Menopausa. Dopo la menopausa le donne producono meno estrogeno, un ormone che aiuta a mantenere il rivestimento della vescica e dell’uretra sano. Il deterioramento di questi tessuti può aggravare l’incontinenza.
6. Isterectomia. Nelle donne, la vescica e l’utero sono supportati da molti degli stessi muscoli e legamenti. Qualsiasi intervento chirurgico che coinvolge il sistema riproduttivo di una donna, compresa la rimozione dell’utero, può danneggiare il sostegno dei muscoli del pavimento pelvico, che può portare a incontinenza.
7. l’ingrossamento della prostata. Soprattutto negli uomini più anziani, incontinenza spesso deriva dall’ingrossamento della ghiandola prostatica, una condizione nota come iperplasia prostatica benigna.
8. Cancro alla prostata. Spesso, l’incontinenza è un effetto collaterale di trattamenti per il cancro alla prostata.
9. Ostruzione. Un tumore ovunque lungo il tratto urinario può bloccare il normale flusso di urina, che porta a traboccare incontinenza. calcoli urinari che si formano nella vescica – a volte causano perdite di urina.
10. Disordini neurologici. La sclerosi multipla, morbo di Parkinson, ictus, un tumore al cervello o di una lesione spinale possono interferire con i segnali nervosi coinvolti nel controllo della vescica, causando l’incontinenza urinaria.

Come si diagnostica l’incontinenza urinaria?

E’ importante per determinare il tipo di incontinenza urinaria che si ha. Tali informazioni guideranno le decisioni terapeutiche successive.
E’ probabile che l’urologo inizi con una storia completa e un esame fisico. Si può quindi chiedere di fare una semplice manovra che possa dimostrare l’incontinenza: chiudere la bocca, stringere il naso chiuso ed espirare duro.
Dopo di che, sarà l’urologo probabilmente a raccomandare:
– Analisi delle urine. Un campione di urine viene controllato per segni di infezione, tracce di sangue o di altre anomalie.
– diario minzionale. Per diversi giorni si registra quanto si beve, quando si urina, la quantità di urina prodotta, se si ha avuto un bisogno di urinare e il numero di episodi di incontinenza.
– una valutazione del residuo postminzionale. Ti viene chiesto di urinare in un contenitore che misura la produzione di urina. Poi il medico controlla la quantità di urina rimasta nella vescica utilizzando un catetere o un ecografo. Una grande quantità residua di urina nella vescica può significare che esiste una ostruzione nel tratto urinario o un problema con i nervi della vescica o muscoli.
Altri esami
Se sono necessarie ulteriori informazioni, il medico può raccomandare:
– test urodinamico. Un medico o un infermiere inserisce un catetere nella vostra uretra e la vescica si riempie con l’acqua. Nel frattempo, un monitor registra e misura la pressione all’interno della vescica. Questo test consente di misurare la forza della vescica e la salute dello sfintere urinario, ed è uno strumento importante per distinguere il tipo di incontinenza che avete.
– Cistoscopia. Il medico inserisce uno strumentino con una ottica collegata ad una telecamera nella vostra uretra. Il medico può controllare, ed eventualmente rimuovere, anomalie nel tratto urinario.
– Cistografia. Il medico inserisce un catetere nella vostra uretra e la vescica e inietta un mezzo di contrasto. Come si urina ed espelle questo fluido, le immagini a raggi X della vostra vescica rivelano possibili problemi del basso tratto urinario.
– ecografia pelvica. Il tuo tratto urinario o genitali sono controllati ecograficamente per anomalie.

Come si cura?

Trattamento per l’incontinenza urinaria dipende dal tipo di incontinenza, dalla sua gravità e dalla causa sottostante. Può essere necessaria una combinazione di più trattamenti. Solitamente l’urologo è solito suggerire prima i trattamenti meno invasivi e passare poi ad altre opzioni terapeutiche solo se questi non riescono.
Tecniche comportamentali
Il medico può raccomandare:
– ginnastica vescicale: ritardare la minzione quando ti viene voglia di andare a urinare. Si può iniziare cercando di tenere a bada per 10 minuti ogni volta che si sente il bisogno di urinare. L’obiettivo è quello di allungare il tempo tra viaggi in bagno finché non si è urinare solo ogni due a quattro ore.
– Doppio svuotamento, per aiutarti a imparare a svuotare la vescica in modo più completo per evitare l’incontinenza da rigurgito. Doppio svuotamento significa urinare, quindi attendere qualche minuto e riprovare..
– regime dietetico per riprendere il controllo della vescica. Potrebbe essere necessario ridurre o evitare l’alcool, caffeina o cibi acidi. Ridurre il consumo di liquidi, perdere peso o aumentare l’attività fisica sono anche in grado di alleviare il problema.
Esercizi muscolari del pavimento pelvico
Il medico può raccomandare di fare questi esercizi spesso per rinforzare i muscoli che aiutano a controllare la minzione. Conosciuto anche come esercizi di Kegel, queste tecniche sono particolarmente efficaci per incontinenza da sforzo, ma possono anche aiutare incontinenza da urgenza.
Per aiutare a identificare e contrarre i muscoli giusti, il medico può suggerire di lavorare con un fisioterapista o provare tecniche di biofeedback (riabilitazione).
Farmaci
I farmaci comunemente usati per trattare l’incontinenza comprendono:
– Anticolinergici. Questi farmaci possono calmare una vescica iperattiva e possono essere utili per incontinenza da urgenza.

– Mirabegron (Betmiga). Usato per il trattamento di incontinenza da urgenza, questo farmaco rilassa il muscolo della vescica e può aumentare la quantità di urina la vescica può contenere. Esso può anche aumentare la quantità si è in grado di urinare in una sola volta, aiutando a svuotare la vescica in modo più completo.
– Alfa bloccanti. Negli uomini con urgenza o incontinenza di overflow, questi farmaci rilassano i muscoli del collo della vescica e le fibre muscolari nella prostata e rendono più facile svuotare la vescica.

– estrogeni topici. Applicando a basso dosaggio, estrogeni topici sotto forma di una crema vaginale, anello o cerotto può aiutare il tono e ringiovanire i tessuti del uretra e zone vaginali. Questo può ridurre alcuni dei sintomi di incontinenza.
Dispositivi medici
Dispositivi progettati per trattare le donne con incontinenza comprendono:
Pessario, un anello rigido che si inserisce nella vagina e indossare tutto il giorno. Il dispositivo aiuta a reggere la vescica, che si trova nei pressi della vagina, per evitare perdite di urina. Si può beneficiare di un pessario se si dispone di incontinenza a causa di una vescica prolasso o di utero.
terapie interventistiche
terapie interventistiche che possono aiutare con incontinenza comprendono:
– Bulking iniezioni di materiale. Un materiale sintetico viene iniettato nel tessuto circostante l’uretra. Il materiale di carica aiuta a mantenere l’uretra chiusa e ridurre le perdite di urina. Questa procedura è generalmente molto meno efficace di trattamenti più invasivi come la chirurgia per incontinenza da sforzo e di solito deve essere ripetuto regolarmente.
Tossina botulinica di tipo A (Botox). Iniezioni di Botox nel muscolo della vescica possono beneficiare le persone che hanno una vescica iperattiva. Botox è generalmente prescritto a persone solo se altri farmaci di prima linea non hanno avuto successo.
stimolatori del nervo. Un dispositivo simile a un pacemaker viene impiantato sotto la pelle per fornire impulsi elettrici indolori ai nervi coinvolti nel controllo della vescica (nervi sacrali). Stimolando i nervi sacrali può controllare incontinenza da urgenza se altre terapie non hanno funzionato. Il dispositivo può essere impiantato sotto la pelle nel gluteo e collegato direttamente ai nervi sacrali o può inviare impulsi al nervo sacrale attraverso un nervo nella caviglia.
Chirurgia
Se altri trattamenti non funzionano, diverse procedure chirurgiche possono trattare i problemi che causano incontinenza urinaria:
– procedure di fionda. Strisce di tessuto del corpo, materiale sintetico o in rete sono utilizzati per creare una fascia pelvica intorno l’uretra e la zona del muscolo ispessito in cui la vescica si collega alla uretra (collo della vescica). L’imbracatura aiuta a mantenere l’uretra chiusa, soprattutto quando si tossisce o starnutisce. Questa procedura viene utilizzata per il trattamento di incontinenza da stress.
– sospensione del collo della vescica. Questa procedura è destinata a fornire supporto all’uretra e collo vescicale – un’area del muscolo ispessito dove la vescica collega l’uretra. Si tratta di una incisione addominale, così è fatto durante l’anestesia generale o spinale.
– Intervento chirurgico prolasso. Nelle donne con incontinenza mista e prolasso degli organi pelvici, la chirurgia può includere una combinazione di una procedura di fionda e chirurgia prolasso.
– sfintere urinario artificiale. Negli uomini, un piccolo anello pieno di liquido viene impiantato intorno al collo della vescica per mantenere la chiusura dello sfintere urinario fino a quando si è pronti a urinare. Per urinare, si preme una valvola impiantata sotto la pelle che provoca l’anello a sgonfiarsi e consente di urina dalla vescica a fluire. sfinteri urinari artificiali sono particolarmente utili per gli uomini la cui incontinenza è associata a trattamento del cancro alla prostata o un ingrossamento della prostata.

“le informazioni contenute in questo sito non sostituiscono in alcun modo il parere del medico”
Share